Ci dev’essere qualcosa di stranamente sacro nel sale.
Lo ritroviamo nelle nostre lacrime e nel mare.
(Khalil Gibran)

Era da tanto tempo che volevo visitare le Saline di Cervia e finalmente ci sono riuscita.

Il paesaggio tutto intorno è davvero suggestivo, enfatizzato ancor più dai giochi di riflessi sull’acqua che vira verso mille sfumature di rosa.
L’attesa è stata pienamente ripagata e non ha deluso le mie aspettative ( tranne il non aver visto i fenicotteri 😅, ma mi sono rifatta poi).

View this post on Instagram

Ci dev’essere qualcosa di stranamente sacro nel sale. Lo ritroviamo nelle nostre lacrime e nel mare. (Khalil Gibran) Era da tanto tempo che volevo visitare le Saline di Cervia e finalmente ci sono riuscita. Il paesaggio tutto intorno è mozzafiato e non ha deluso le mie aspettative ( tranne il non aver visto i fenicotteri 🦩😅). È stato un privilegio poter scoprire di più della Società Parco della Salina di Cervia srl che oltre a produrre il sale dolce di Cervia, ha anche l’obiettivo di valorizzare e proteggere l’ambiente. Qualsiasi sia il tour che si vuole fare, visto che occorre necessariamente essere accompagnati per visitare le saline, sarà una esperienza sorprendente. Tutti i percorsi partono dal Centro Visite Salina di Cervia, su prenotazione) e si può scegliere tra percorsi di diversa natura. 📍Centro Visite Salina di Cervia Via Bova, 61 – Tel. 0544 973040 Da non perdere ❤️ #ripartiamodallaromagna #romagnamia #cervia #milanomarittima #romagnadavivere #romagnadascoprire #unapinupinviaggio #romagnatravel #discoverrimini #discoverromagna #rivieraromagnola #salinedicervia #parcodeldeltadelpo #visitromagna #igersravenna#igersemiliaromagna#parcosalinedicervia#sale#saledolcedicervia#naturephotography ⠀

A post shared by Laura Perogi (@toochiclaura) on

Per poter visitare le Saline è necessario prenotare un’escursione guidata.
Tutti i percorsi partono dal Centro Visite Salina di Cervia, su prenotazione e si può scegliere tra percorsi diversi per soddisfare i gusti di ogni tipo di turista.
Io ho scelto il percorso a bordo del trenino, che per la prima volta dopo il lockdown riprendeva la sua corsa alla volta dell’oro bianco.

Cervia è infatti nota per il suo oro bianco fin dall’antichità Etrusca. Il nome  deriva probabilmente da acervus in latino  “cumulo” di sale, anche se la leggenda vuole che il nome sia dovuto ad un cervo che, inseguito dai cacciatori, si sarebbe inginocchiato davanti a San Bassano, per chiederne la protezione. 

Alle saline di Cervia a bordo del trenino

alle saline di cervia in treninoEd ecco che a bordo del trenino, con mascherina ovviamente indossata, si passa attraverso le saline oltrepassando  il cancello della Società Parco della Salina di Cervia srl, che oltre a produrre il sale dolce di Cervia, ha anche l’obiettivo di valorizzare e proteggere l’ambiente.

Una cosa che noterete sin da subito? la salicornia tutta intorno, una pianta succulenta e carnosa. che viene utilizzata per insaporire il pescato, oppure come aromatizzante dello stesso sale dolce di Cervia, venduto in comode confezioni sotto vetro, che ovviamente potete acquistare e portare a casa come souvenir.

Il tour in trenino, che vi consiglio, permette di visitare, in modo guidato,  una tra le oasi più pregiate e protette in Italia ed in Europa. Con partenza dal Centro Visite (via Bova 61, 48015 Cervia), il trenino fa diverse tappe con la possibilità di osservare da vicino sia la natura, sia tutte le fasi produttive del rinomato Sale Dolce di Cervia.

Informazioni per prenotare la visita

Nel periodo estivo vengono organizzate per piccoli gruppi e solo su prenotazione le giornate “Salinaro per un giorno” presso l’antica salina Camillone, dove ancora lavorano come volontari gli storici salinari di Cervia.
Consultate il sito (qui) per avere maggiori informazioni.

altri link utili

http://shop.atlantide.net/trenino-in-salina-a-cervia.html

http://www.atlantide.net/amaparco/salina-cervia-organizza-la-tua-visita/

Per consigli su cosa vedere a Cervia clicca qui

Seguimi sui social e condividi: