Il racconto della pandemia causata dal coronavirus passa anche attraverso le opere di street artist. Ed ecco che sulle mura delle città appaiono soggetti dal volto coperto dalla mascherina o gel igienizzanti per le mani, volti a diffondere i messaggi oramai globali del distanziamento sociale e del #stayhomestaysafe.

Ecco un giro del mondo attraverso alcune delle opere più emblematiche realizzate da noti artisti di strada che ci parlano dell’emergenza sanitaria che tutti stiamo vivendo.

L’artista Rebel Bear  su un muro di Bath Street a Glasgow

Lacuna ed il suo graffito che immortala  una donna con una mascherina accanto a un’immagine del virus SARS-CoV-2 stilizzato nel quartiere berlinese di Prenzlauer Berg

View this post on Instagram

Corona virus! Shall we panic? Buy immense amounts of noodles, canned food and toilet paper? Empty the shops or loot them in case of emergency? Is this virus maybe part of the extinction rebellion? Is this hysteria or a real threat? What do you think? For me it is interesting to see how this tiny virus – not to be seen with our eyes – takes control over our public life. To be true: more people die from influenza every year than from corona. @ Winsstrasse, Prenzlauer Berg, Berlin Photo by Mrs. X #corona #coronavirus #virus #pandemie #influenza #mask #streetart #graffiti #urbanart #arteurbano #artderue #stencilart #stencil #schablonenkunst #schablone #pochoir #szencil #urbanartcontemporary #instaart #streetartberlin #berlin #berlinstreetart #graffitiberlin #prenzlauerberg #prenzlberg #lacuna #lacunastreetart #lacunagraffiti

A post shared by Lacuna (@lacuna.streetart) on

Pony Wave nella solare Venice Beach in California racconta l’amore ai tempi del coronavirus

View this post on Instagram

Stay safe!😷 . I did that Mural days ago. Now I’m staying home as everyone! . We all are going through this together. There is a reason which we will see after all. It’s time to look at ourselves. Take a look at what are we doing with the planet and our lifetime. Mb we should change our priorities? Mb we should slowdown? Mb we should take a look around and start respect our planet and all those with whom we share it? Mb someone is trying to hide some changes? Or economic collapse? Mb one more step to a new world order? . There is definitely a reason. And not just one. . P.s. please stay inside! I promise to come back to Venice when it will be over and paint. So let’s meet there when everything will be fine. But for now please stay inside! . Stay safe ! Sending you love ! . Thanks to @max__kote for 📸 from a distance 🙌🏻 . . . #venice #venicebeach #corona #covid_19 #stayhome #staysafe #streetart #italy #usa #china #russia #spain #germany #iran #france #switzerland #southkorea #UK #netherlands #austria #belgium #norway #canada #portugal #sweden #australia #brazil #israel #japan #turkey

A post shared by Pony Wave (@ponywave) on

Il collettivo SUBSET a Dublino dedica la sua opera agli operatori sanitari

TvBoy, a Milano reinterpreta il capolavoro di Francesco Hayez: il Bacio alla luce dell’emergenza del covid – 19.

Dello stesso artista anche “I want you at home“, in cui lo zio Sam ci invita a rimanere nelle nostre abitazioni, e “Mobile world virus”, dove la Gioconda si scatta un selfie con la mascherina

FUTURE? realizza una confezione di Amuchina rivisitata con due mani che si stringono e la scritta “Future?”, che rappresenta peraltro la firma dell’artista.

street art e coronavirus di Future

A Torino Rebor, ha installato nel giardino di casa, una tenda rosa di grandi dimensioni, come quelle usate per il triage d’emergenza. 

View this post on Instagram

L’opera, intitolata “Alla ricerca di un riparo” é una tenda di grandi dimensioni, come quelle usate per il triage d’emergenza. È pensata per essere attraversata e osservata anche dall’interno: perciò verrà esposta negli spazi della città, non appena l’emergenza Coronavirus rientrerà. “In momenti del genere”, continua l’artista, “è bene usare la saggezza anziché la sola logica, perché di fronte alla paura, ogni persona reagisce diversamente. Ho deciso quindi di rovesciare completamente il mio modus operandi proponendo in anticipo le immagini del mio lavoro, che precederanno la sua collocazione fisica. Nel rispetto delle normative odierne nazionali, l’opera sarà visibile nel mio giardino prima di essere collocata nelle strade o nelle piazze di una città”. Da articolo su @artribune di – @ode_on_a_grecian_urn #iorestoacasa #italiasiferma #covid19italia #covid2019 #streetart #rebor #mrpink #torink #ospedali #climatestrike #artneverstops #condividilacultura #deepscrolling #loraccontoaltg1 #abbonamentomusei #artforcovid

A post shared by REBOR (@rebor_art) on

L’artista romano Harry Greb ha realizzato l’opera “Human Family” in cui un panda  fotografa una famiglia chiusa in gabbia, con mascherine. Un tipico quadretto di famiglia dove i ruoli risultano invertiti.

L’ artista Petrucci a Pompei sceglie i Simpson come testimonial dello stare a casa. Homer, Marge, Bart, Lisa e Maggie, con le immancabili mascherine, sono seduti tutti sul divano davanti alla tv, lanciano così il messaggio “Stay Home” scritto ad un lato del murales 

Anche guardare le opere di street art disseminate tra le città del mondo ci permette di  viaggiare restando a casa.

 

 

Seguimi sui social e condividi: