Tra i luoghi più suggestivi di Maiorca non posso non annoverare la piccola cittadina incastonata nella Serra de Tramuntana, Soller, piccola pietra preziosa, immersa in una valle ricoperta da ulivi ed aranci.

Per anni questa piccola cittadina è rimasta isolata, per causa della Serra de Tramuntana, dalla capitale Palma di Maiorca:  addirittura, fino agli anni Trenta,  gli abitanti di Soller erano costretti ad andare a vender gli agrumi in Francia via mare!

Solo dopo la Prima Guerra Mondiale furono scavate  gallerie per  creare un collegamento via treno …. un treno che funziona ancora oggi.

Direttamente dalla Belle époque il Tren de Sóller dal 1912 attraversa la Serra de Tramuntana, collegando la capitale a Soller, mostrando ai fortunati passeggeri un paesaggio da cartolina, fatto di foreste di pini marittimi,  pianure costellate di mandorle, ulivi, agrumenti e villaggi.

Un treno antico ed un tram anch’esso dal sapore vintage sfidano ancora oggi le alture della Tramuntana, il primo,  sotto la montagna collegando Palma a Soller, il secondo, da Soller a Port de Soller e alle sue spiagge, correndo lungo i  dehors dei caffè da  Placa Constituciò.

soller il tram vintage

COSA FARE IN UNA GIORNATA A SOLLER

  • Perdersi tra le sue vie, LAS CALLES, per dirlo nella lingua degli abitanti del luogo alla scoperta di scorci romantici, angoli pittoreschi da fotografare.
  • Scoprire ed immortale gli elementi architettonici di stile neoclassico delle residenze eleganti, sulla Gran via  o dell’ art nouveau sulla Carrer Sa Lluna.
  • Ammirare, la maestosa chiesa di San Bartolomeu, esempio di Art Nouveau, da uno dei tanti localini della piazza centrale
  • Fare un saltoindietro nel tempo entrando nella stazione de Soller dove è possibile anche visitare la mostra di Mirò e una esposizione permanente di Picasso
  • Prendere il tram vintage  per Port de Soller e fare una passeggiata sul lungomare o  distendersi a prendere il sole

COSA MANGIARE

    • Assolutamente da non perdere le leccornie a base di arancia, la Ensaimada, ripiena di crema e arance locali, must della vallata e delizia della cucina maiorchina!
    • Una buona paella vista mare a Port de Soller

Per una pausa pranzo veloce segnalo questo posticino che ho scoperto per caso, alla ricerca di angoli instagrammabili in grado di trasmettere la tipicità dei luoghi.

Qui da Es Cantò è il colore rosso ad attirarti il rosso dell’insegna, il rosso dei peperoncini appesi ovunque come fossero amuleti portafortuna, il rosso della sobrasada o del Jamon dei bocadillos.

Dall’esterno dà l’ idea di essere una bottega di altri tempi; la bottega che trovi nelle nostre città del meridione. All’interno ti stupisce: un cortile interno con tavolini e sedute per mangiare comodamente e una dimora elegante che al contempo funge da atelier di prodotti artigianali, in primis le espadrillas!

Seguimi sui social e condividi:
error